Il Merletto al Tombolo di Annella Centis

Sto caricando la mappa ....


Quando
Date(s) - 15/11/2019 - 21/11/2019
Tutto il giorno

Dove
Medina Roma


Il Merletto al Tombolo di Annella Centis

Il Merletto al Tombolo di Annella Centis dal 15 al 21 Novembre 2019 presso gli spazi Medina Roma. Un’esposizione che punta a far conoscere la tradizione di un’arte antica, applicata alla moda e agli accessori moderni. Le creazioni di Annella Centis sono Made in Italy e completamente realizzate a mano.

Inaugurazione: Venerdì 15 Novembre ore 18:00.

Apertura al pubblico: Lunedì-Venerdì 10:00-13:00 e 15:00-19:00.

Il Merletto al Tombolo di Annella Centis

“Come le parole che si intrecciano formando trame accoglienti, così i fili si intrecciano fino a diventare creazioni artistiche. Il recupero di un’antica tecnica diventa veicolo e strumento per l’espressione di uno sguardo creativo”.

Annella Centis

Il Merletto al Tombolo di Annella Centis

Tutte le creazioni sulla pagina Facebook: La Luna nel Tombolo!

Un pò di storia…

Il merletto a tombolo è un pizzo realizzato a mano ed ha alle spalle una storia molto antica. Le prime testimonianze di quest’arte possono essere fatte risalire ad insediamenti millenari (alcuni fuselli ad osso pare siano stati ritrovati nelle tombe etrusche).

E’ davvero difficile stabilire quale sia stato il periodo di partenza del tombolo; molti ritengono sia stato nelle regioni della Magna Grecia il suo periodo di massima diffusione. Alcuni documenti attestano invece la sua diffusione a partire dal XV sec. Questa tecnica si è diffusa sicuramente durante il XVI sec. nel territorio delle Fiandre ed è per questo che poi si è propagata soprattutto nelle regioni del Nord Italia.

Con il termine tombolo si indicano sia il merletto in sé che lo strumento usato per realizzarlo. Pizzo delicato e raffinato, viene realizzato con un filo di cotone molto sottile e richiede molta abilità, esperienza e pazienza.

Gli strumenti delle ricamatrici variano in base alla regione d’origine ed al tipo di merletto che si vuole creare. Il tombolo può avere forma variabile: circolare appiattita, cilindrica o a rullo (la caratteristica è per lo più dovuta alla tradizione della regione di provenienza) ed è generalmente un sacco ricoperto di stoffa e imbottito di un materiale che gli conferisce una certa consistenza (ad esempio segatura o crine). Su di esso viene fissato il disegno guida del pizzo che si intende lavorare.

Oggi la produzione di questi manufatti è molto rara ed è apprezzata solo da veri estimatori. La tecnica viene tramandata di generazione in generazione, la conoscenza e i disegni vengono gelosamente custoditi da coloro che ancora tramandano il tombolo “manualmente” e “verbalmente”.